Sintomi dell'epatite

Sintomo

Malattie e sintomi

Informazioni generali sui sintomi dell'epatite

Questa pagina tenta di fornire un elenco di informazioni su alcuni dei possibili sintomi dell'epatite. Queste informazioni sui sintomi sono state ottenute da varie fonti e potrebbero non essere del tutto accurate. Non si tratta di un elenco completo dei sintomi dell'epatite.

Immagine di epatite

Inoltre, i sintomi dell'epatite può variare individualmente in ogni paziente. Si consiglia di consultare il medico se si notano i primi sintomi dell'epatite come solo il medico può fornire una diagnosi accurata dei sintomi con precisione.

Sintomi dell'epatite

Molte persone con epatite virale non presentano sintomi. Ad esempio, circa un terzo delle persone affette da HBV ha un tipo di malattia completamente "silenzioso".

Quando appaiono i sintomi, possono essere lievi o gravi. I sintomi iniziali più comuni sono la febbre lieve, il mal di testa, i dolori muscolari, la fatica, la perdita d'appetito, la nausea, i vomiti o la diarrea. I sintomi posteriori includono l'orina scura, feci pallide e schiumose, dolore addominale e colorito giallastro della pelle e la sclerotizzazione degli occhi (itterizia).

L'epatite virale, così come l'epatite A, l'epatite B e l'epatite C, sono varie malattie che affettano il fegato. Alcuni farmaci e medicine possono provocare epatite. Ogni tipo d'epatite ha vari sintomi e cause. I trattamenti dell'epatite dipendono anche dal tipo di epatite che si deve trattare. Il medico realizzare delle prove di laboratiorio per determinare il tipo d'epatite di ogni paziente.

Epatite A

Come si contagia l'epatite A?

Il virus dell'epatite A (VHA) si trova nelle feci di una persona che ne è affetta. Una persona in salute con l'ingestione di una piccolissima quantita di feci di una persona infettata, può contrarre l'infezione dell'epatite. L'igiene personale, come lavarsi accuratamente le mani, può diminuire il rischio di trasmissione del virus.

L'epatite A è un'infezione comune a molte zone del mondo dove le infrastrutture sanitarie sono in pessimo stato. Spesso l'infezione d'epatite A può avvenire mangiando alimenti o bevendo acqua contaminata.

L'epatite A 菏 anche classificata come una malattia di trasmissione sessuale (MTS), visto che si può trasmettere sessualmente. Per questo motivo, il lavaggio della zona genitale e anale prima del coito e l'uso del preservativo o protettori della bocca possono aiutare a prevenire questo rischio.

L'epatite A può affettare persone di tutte le età. Quando una persona si espone al virus, bastano solo tra 2 e 6 settimane per iniziare a sentire i primi sintomi.

I segni e i sintomi dell'epatite A

È possibile avere sintomi lievi oppure non aver alcun sintomo e se questo 菏 il caso, le feci della persona infetta saranno comunque infettive per gli altri. Molte persone che contraggono l'infezione VHA presentano i seguenti sintomi:

  • Sintomi brevi e moderati simili all'influenza.
  • Nausea, vomiti e diarrea.
  • Perdita dell'appetito.
  • Perdita di peso.
  • Itterizia (colore giallastro della pelle e della parte bianca degli occhi, orina di color giallo scuro e viso pallido).
  • Prurito della pelle.
  • Dolore addominale.

L'infezione normalmente sparisce nel giro di un mese, anche se in alcune persone può ripresentarsi o persistere per più tempo. Una volta che una persona 菏 stata infettata e che il suo corpo ha lottato contro il virus, questa persona sarà per tutta la vita immune a questa malattia. A volte i sintomi possono essere gravi e richiedere l'ospitalizzazione.

Raramente ci sono delle complicazioni con l'infezione da epatite A. È poco probabile che si produca un danno permanente al fegato, ma in rarissimi casi, quest'infezione può risultare fatale, soprattutto in persone anziane.

Trattamento dell'epatite A

Non esiste una cura specifica per l'epatite e la maggior parte delle persone lotta contro il virus di forma naturale, tornando in un buon stato di salute dopo un paio di mesi. Il medico ti consiglierà di evitare l'alcool e gli alimenti grassi, visto che possono essere difficili da processare dal fegato e può inasprire l'infiammazione.

I pazienti devono riposare molto e seguire una dieta. Devono anche assicurarsi di non propagare la VHA lavandosi le mani dopo esser andati al bagno e prima di cucinare o di toccare degli alimenti. I pazienti con sintomi più gravi possono essere ospitalizzati durante un breve periodo con lo scopo di esercitare un maggiore controllo su di loro.

Epatite B

Come si contagia l'epatite B?

L'epatite B (VHB) 菏 molto comune, con più di 350 milioni di persone infette. Le persone con VHB hanno il rischio di sviluppare, a lungo termine, la cirrosi epatica o il cancro al fegato.

La forma più frequente di trasmissione dell'epatite B 菏 attraverso lo scambio di flussi corporali con una persona infetta. Si stima che il VHB è di 50 a 100 volte più infettivo dell'HIV.

Il VHB può essere trasmesso nei seguenti modi:

  • Attraverso rapporti sessuali non protetti (senza preservativo) con penetrazione (quando il pene entra nell'ano, nella vagina o nella bocca) con qualcuno che è affetto dal virus. Può trasmettersi anche per aver sesso con qualcuno che ne 菏 infetto e che ha qualche fuoriuscita di sangue.
  • Per condivisione di aghi contaminati o altri tipi di materiali per il consumo di droghe indovena.
  • Attraverso l'uso di strumenti non sterili per realizzare tatuaggi, agopuntura o piercing.
  • Spesso le donne incinta infettano al bebe nel momento del parto. L'immunizzazione dei neonati durante la nascita evita la trasmissione dell'epatite B.
  • Attraverso una trasfusione di sangue in un paese in cui il sangue non viene analizzato per individuare i virus di trasmissione sanguigna come il VHB.

L'epatite B non si contagia con gli starnuti, la tosse, gli abbracci o per il contatto con le feci di una persona infetta.

I segni e i sintomi dell'epatite B

Molte persone che s'infettano del VHB possono avere sintomi lievi oppure nessun sintomo in particolare. Anche se queste persone non presentano nessun sintomo possono essere portatrici del virus e trasmetterlo agli altri. Quando compaiono i sintomi nella persona infetta, possiamo notare che sono simili a quelli dell'epatite A. Eccone i sintomi:

  • Sintomi brevi e moderati simili all'influenza.
  • Nausea, vomiti e diarrea.
  • Perdita dell'appetito.
  • Perdita di peso.
  • Itterizia (colore giallastro della pelle e della parte bianca degli occhi, orina di color giallo scuro e viso pallido).
  • Prurito della pelle.

Se i sintomi peggiorano, la persona infetta di epatite B dovrà essere ricoverata.

La maggior parte degli adulti infettati dal virus dell'epatite B si riprende completamente e sviluppa l'immunità al virus. Tra il 2% e il 10% degli individui infettati da adulti si converte in portatore cronico, possono quindi contagiare gli altri e sviluppare un danno eptico cronico. I bambini infetti, soprattutto i neonati, sono più propensi a convertirsi in portatori cronici.

Una persona che convive per anni con l'epatite B, può sviluppare le seguenti complicazioni:

Trattamento dell'epatite B

Nella maggior parte dei paesi, quando un paziente risulta positivo alla prova dell'epatite B, è mandato da uno specialista che farà ancora altre prove per determinare il grado di affezione dell'epatite B sul fegato e quale sarà il miglior trattamento. In queste prove, potrà essere necessario prelevare delle mostre di tessuto del fegato attraverso una biopsia epatica.

Nella maggioranza dei pazienti con VHB activo, i sintomi non sono gravi e non è necessaria alcuna cura. Il paziente resterà sotto osservazione e dopo che il sistema immunitario avrà lottato contro il virus durante qualche mese, il paziente sarà immune al virus.

L'infezione da VHB diventa cronica in circa il 5% degli adulti, tra il 30 e il 50% dei bambini piccoli (da 1 a 4 anni) e il 90% del resto dei bambini. Il virus  più mortale per i giovani e le persone che s'infettano alla nascita, visto che hanno un 25% di possibilità di sviluppare una malattia potenzialmente mortale relazionata con il fegato.

Il medicamento antivirale si somministra come cura per le persone con sintomi cronici per aiutarle a prevenire danni al fegato. Queste medicine si possono iniettare o assunte in pillole. Esempi di queste medicine sono Interferone Alfa, la Lamivudine e l'Entecavir. La cura dura solo sei mesi, periodo in cui il paziente  sempre sotto controllo.

Indipendentemente da se l'infezione stia producendo sintomi o meno, il paziente sarà informato per evitare di assumere alcool, che riposi e mantenga una dieta salutare.

Epatite C

Come si contagia l'epatite C?

L'epatite C (VHC) si può trasmettere come segue:

  • Per condivisione di materiale per l'iniezione di droghe (aghi, cucchiai ecc.). Questa  la principale via di trasmissione del VHC al di fuori dell'Africa subsahariana.
  • Attraverso l'utilizzo di strumenti non sterili per tatuaggi, agopuntura o piercing. Questo può essere un problema in quei paesi in cui il tatuaggio o la scarificazione sono un rituale tradizione che si pratica ancora.
  • Attraverso l'esposizione al sangue durante la pratica sessuale senza protezione con una persona infetta. Il sangue può essere presente a causa di piaghe genitali, tagli o semplicemente per le mestruazioni. La trasmissione sessuale 菏 un modo poco frequente d'infezione dell'epatite C.
  • Raramente, una madre infetta può infettare il neonato durante il parto. Il rischio può essere maggiore se la madre  anche infetta da HIV.
  • Attraverso la trasfusione di sangue. In molti paesi in via di sviluppo, non si fanno analisi del sangue per individuare il virus dell'epatite C. Nel Regno Unito e negli USA il sangue oggetto di trasfusione è sempre controllato.
  • Attraverso la condivisione di materiale usato per inalare cocaina. Normalmente viene usata una banconota tagliente che può contaminarsi con il sangue della persona infetta.

L'epatite C non si trasmette attraverso un abbraccio, uno starnuto, la tosse, dividere alimenti o acqua, condividendo posato o per qualsiasi tipo di contatto.

Segni e sintomi dell'epatite C

Molte persone non hanno sintomo quando contraggono l'epatite C. I sintomi possono presentarsi più tardi, visto che possono appare dai 15 ai 150 giorni successivi al contatto con il virus. A volte una persona può non mostrare sintomi ed essersi infettata. Il suo sistema immunitario elimina il virus con successo senza che la persona se ne renda conto. Una persona inffettata senza sintomi può essere portatrice e trasmettere il virus ad altre persone.

Tra i sintomi possibili possiamo includere:

  • Sintomi brevi e moderati simili all'influenza.
  • Nausea e vomiti.
  • Diarrea.
  • Perdita dell'appetito.
  • Perdita di peso.
  • Itterizia (colore giallastro della pelle e della parte bianca degli occhi, orina di color giallo scuro e viso pallido).
  • Prurito della pelle.

Circo il 20% delle persone con VHC eliminano il virus dal loro corpo in 6 mesi circa, anche se ciò non vuol dire che nel futuro ne siano immuni.

L'altro 80% delle persone sviluppano un'infezione cronica da epatite C. In questi casi, il virus può provocare sintomi lievi oppure non provocarne alcuno. Queste persone avranno il virus dell'epatite C durante tutta la loro vita e saranno sempre infettivi per gli altri.

Se una persona convive con l'infezione dell'epatite C per alcuni anni, può sviluppare le seguenti complicazioni:

  • Epatite cronica.
  • Cirrosi epatica.
  • Cancro al fegato.

Il trattamento dell'epatite C

Per determinare il grado in cui il fegato è stato colpito dall'epatite C, si possono realizzare delle prove. Queste prove includono test della funzione epatica, sostanze che misurano delle proteine e degli enzimi specifici del sangue del paziente, mostrando l'efficacia di funzionamento del fegato. Si può anche realizzare una biopsia del fegato. Questa prove si realizza grazie a un ago fino che passa attraverso la pelle del fegato per prenderne una piccola mostra. La mostra viene esaminata con il microscopio per misurare il danno epatico (infiammazione, cicatrizzazione e cirrosi).

Il trattamento combina farmaci antivirali, l'Interferone e la Ribavirina. Anche se la cura 菏 migliorata negli anni, la percentuale di successo varia a seconda del genotipo del paziente e del tempo durante il quale costui ha avuto l'epatite C. Nel 2011, la FDA approvò un farmaco chiamato Victrelis (per la cura del genotipo 1 della famiglia da epatitie C). Quando questo farmaco si assume assieme ad altri farmaci esistenti, il Victrelis cura più del 60% dei pazienti in prove cliniche. Se paragoniamo questi dati con la percentuale di successo delle medicine esistenti e che si prendono sole, tra il 20 e il 40%, possiamo dire che questi farmaci insieme al Victrelis hanno una percentuale di successo maggiore. A differenza di altri farmaci per l'epatite C, il Victrelis  un inibitore della proteasa, simile a quelli che si usano per trattare l'HIV. L'adesione a questo farmaco è essenziale per prevenire la resistenza alle medicine.

Le medicine antivirali possono causare effetti secondari significativi, intollerabili per alcune persone. Tra questi effetti possiamo includere:

  • Mal di testa.
  • Sintomi influenzali.
  • Nausea.
  • Stanchezza.
  • Dolori corporali.
  • Depressione.
  • Eruzioni della pelle.

Il paziente può richiedere controlli regolari per monitorare il progresso della cura. È importante ricordare che se la cura 菏 efficace e l'infezione viene eliminata, ciò vuol dire che il paziente sarà immune all'epatite C per tutta la sua vita.

Elenco dei sintomi dell'epatite

L'elenco dei principali sintomi dell'epatite, da diverse fonti, tra cui:

Sintomi simili a l'epatite

Qui di seguito potete vedere i link per la salute o la malattia Stati che hanno alcuni sintomi simili a dell'epatite. Cliccando sull'immagine o sul link qui sotto potrete vedere ulteriori informazioni su queste malattie o condizioni di salute e sintomi.