Sintomi del linfoma

Sintomo

Malattie e sintomi

Informazioni generali sui sintomi del linfoma

Questa pagina tenta di fornire un elenco di informazioni su alcuni dei possibili sintomi del linfoma. Queste informazioni sui sintomi sono state ottenute da varie fonti e potrebbero non essere del tutto accurate. Non si tratta di un elenco completo dei sintomi del linfoma.

Immagine di linfoma

Inoltre, i sintomi del linfoma può variare individualmente in ogni paziente. Si consiglia di consultare il medico se si notano i primi sintomi del linfoma come solo il medico può fornire una diagnosi accurata dei sintomi con precisione.

Il linfoma è una tipologia di cancro che comincia nelle cellule del sistema immunitario chiamate linfocinoti. Come altre tipologie di cancro, il linfoma si produce quando i linfocinoti si trovano in uno stato di crescita cellulare e moltiplicazione incontrollate.

I linfocinoti sono i globuli bianchi del sangue che si muovono attraverso tutto il corpo in un liquido chiamato linfa. Questi globuli sono trasportati da una rete di vasi che compongono il sistema linfatico e che formano a loro volta il sistema immunitario. Il sistema linfatico, la cui funzione  quella di combattere le infezioni o qualsiasi altro corpo che minacci il nostro organismo, 菏 anche composto dai gangli linfatici, presenti in tutto il corpo e che filtrano la linfa. I gangli linfatici si gonfiano e si sgonfiano quando un gran numero di organismi microbici penetra in essi e che ci indica la presenza di un'infezione locale.

Ci sono due tipi principali di linfociti: cellule B e cellule T. Entrambi sono stati disegnati per riconoscere e distruggere le infezioni e le cellule anomale. Le cellule B producono proteine che viaggiano attraverso il nostro corpo e si uniscono agli organismi infettivi e alle cellule anomale con lo scopo di avvisare il sistema immunitario di distruggere tale patogeno. Le cellule T uccidono direttamente i patogeni e compiono la funzione di regolazione del sistema immunitario avendo più o meno attività.

Il linfoma si sviluppa quando le cellule di linfociti B o T si trasformano e cominciano a crescere e a moltiplicarsi smisuratamente. I linfociti anomali si raggruppano in uno o più gangli linfatici o nei tessuti linfatici come la milza o le tonsille per poi formare una massa di cellule chiamata tumore. I tumori crescono e invadono lo spazio dei tessuti e degli organi circostanti, privandoli d'ossigeni e di nutrienti.

Se i linfociti anomali viaggiano da un ganglio linfatico a un altro o ad altri organi, il cancro può diffondersi o produrre la metastasi. Lo sviluppo del linfoma fuori dal tessuto linfatico 菏 conosciuto come malattia extranodale.

Cause del linfoma

Il cancro 菏 in ultima istanza il risultato della crescita incontrollata delle cellule e del fatto che non muoiano. Le cellule anomale del corpo seguono un percorso ordinato di crescita, divisione e morte. La morte cellulare programmata si chiama apoptosi e quando questo processo si rompe, il risultato è il cancro. Gli scienziati non sanno esattamente quale sia la causa del linfoma, ma hanno identificato vari fattori potenziali di rischio.

Genetica

Il linfoma può essere il risultato di una predisposizione genetica che si eredita da un membro all'altro della stessa famiglia. Si può nascere con alcune mutazioni genetiche o un problema a un gene e questo fa si che ci siano più possibilità di sviluppare il cancro in un futuro.

Carcinogeni

I carcinogeni sono una classe di sostanze che sono direttamente responsabili di danni al DNA e della promozione o sviluppo del cancro. L'esposizione a certi pesticidi, erbicidi e solventi, come il benzene, è associata al linfoma. Così anche le tinture dei capelli neri sono state associate ad un maggiore tasso di linfoma non Hodgkin o LNH. Quando i nostri corpi sono esposti ai carcinogeni, si formano dei radicali liberi che cercano di rubare gli elettroni di altre molecole del nostro organismo. Questi radicali liberi danneggiano le cellule colpendo la loro capacità di sviluppare la loro normale funzione e provocando quindi la crescita cancerogena.

Altri fattori medici

Man mano che invecchiamo, aumentano le possibilità che si producano cambiamenti nel nostro DNA che provocano il cancro. Il rischio del linfoma non Hodgkin aumenta con l'età. Invece, il LH o Linforma Hodgkin 菏 più comune tra le persone tra un'età di 16 e 34 anni o da 55 anni in su. Altre infezioni mediche associate con un alto tasso di linfoma includono l'infezione da HIV, il virus linfotropico delle cellule T Humanas (HTLV-1), il virus di Epstein-Barr, l'infezione da Helicobacter pylori o l'epatite B o C; malattie autoimmuni (come il lupus); malattie che richiedono cure che sopprimono il sistema immunitario e qualsiasi malattia autoimmune.

Diagnosi del linfoma

Per diagnosticare il linfoma, i medici richiedono un esame fisico completo e lo storico clinico personale e della famiglia del paziente. Generalmente, dovrebbe visitarti un oncologo (specializzato in cancro) affinch菏 riveda i risultati delle diverse prove realizzate.

Dovrai sottoporti a degli esami del sangue per verificare la resa delle cellule sanguigne, dei reni e del fegato. Inoltre con queste analisi potranno individuare una sostanza chimica chiamata lattato-deidrogenasi (LDH). Questa sostanza presente ad alti livelli nel sangue viene associata a una forma aggressiva linfoma non Hodgkin.

Ci sono varie tecniche d'immagine per vedere se c'è realmente un cancro o no e per sapere fino a che punto si estende. Le prove più comuni sono:

  • Le radiografie.
  • La tomografia computerizzata (TC).
  • La risonanza magnetica (RM).
  • La linfangiografia.
  • La gammagrafia con gallio.
  • La tomografia a emissione di positroni (TEP).

I medici possono anche realizzare un esame del midollo osseo per vedere se 菏 stato colpito dal cancro. Per realizzare questa prova si prendono delle mostre del midollo ossea al livello dell'anca e si esaminano per verificare la presenza di cellule B o T anomale.

L'unico modo di fare una diagnosi efficace del cancro è estraendo una piccola mostra del tumore e osservarlo al microscopio. Questo procedimento si chiama biopsia. I medici possono raccogliere la mostra attraverso l'inserimento di un ago, con metodi chirurgici o con metodi laparoscopici. Una volta che si 菏 prelevata la mostra, un patologo s'incaricherà di esaminarla al microscopio e determinare l'esistenza o meno del cancro.

Dopo aver fatto la diagnosi, i medici analizzano le mostre del tessuto e i risultati delle prove per verificare fino a che punto si è esteso il cancro e in che fase del cancro si trova il paziente. Determinare la tappa è importante, visto che permette agli oncologi di sapere a quale trattamento ricorrere e di realizzare un pronostico.

Con un semplice e comune sistema di classificazione del linfoma di Hodgkin, i medici possono considerare se il tumore è voluminoso (i tumori grandi hanno un pronostico peggiore) oppure no (un tumore piccolo ha un miglior pronostico). Il linfoma non Hodgkin si classifica in base alla sua apparenza al microscopio, alla sua localizzazione nel corpo e alle sue caratteristiche genetiche e molecolari. Spesso si suddivide in tre gradi. Di basso grado o indolenti sono considerati i linfomi che crescono lentamente e spesso questi tipi di linfomi non richiedono una cura immediata e spesso sono anche curabili. I linfomi di alto grado sono aggressivi e crescono rapidamente e richiedono un trattamento intensivo e immediato e sono spesso incurabili.

Sia i LH che quelli LNH usano un sistema di classificazione simile per descrivere l'estensione della malattia.

  • Stadio I o malattia in fase iniziale: quando il linfoma si trova in una sola regione dei gangli linfatici o in un solo organo che non si trova nei gangli linfatici.
  • Stadio II o malattia localmente avanzata: quando c'菏 un linfoma in due o più regioni dei gangli linfatici di uno stesso lato del diaframma o in una regione di gangli linfatici e in un organo o tessuto vicini a questa stessa zona.
  • Stadio III o malattia avanzata: quando due o più gangli linfatici o un ganglio linfatico e un organo del lato opposto del corpo sono colpiti dal linfoma.
  • Stadio IV o malattia molto estesa e disseminata: quando il linfoma si estende alla milza, al midollo osseo, alle ossa o al sistema nervoso centrale.

Entrambi i tipi di linfomi possono avere vari tipi di classificazione. La classificazione A indica che non ci sono sintomi come febbre e perdita di peso; la classificazione B indica questi stessi sintomi e la classificazione E indica che il tumore si è esteso direttamente partendo da un ganglio linfatico a un organo.

Trattamento del linfoma

Il trattamento del cancro dipende dal tipo di cancro, dallo stadio del cancro (quanto si è propagato), dall'età, dallo stato di salute e da se il paziente ha ricevuto un trattamento per un cancro anteriormente e da altre caratteristiche personali. Il trattamento del linfoma 菏 generalmente pensato per ottenere come risultato la remissione completa della malattia. Uno stadio in cui le cellule del linfoma nel corpo siano indetettabili e non causino sintomi. Tra le cure comuni per eliminare il linfoma abbiamo la chemioterapia, radioterapia e la terapia biologica.

L'obiettivo finale della cura  la remissione definitiva del linfoma o la remissione dello stesso durante molto tempo. Il ritorno del cancro è chiamato ricorrenza. Dopo essersi sottomesso alla terapia, il paziente può notare un miglioramento (il linfoma si restringe), una stabilità della malattia (il linfoma resta invariato), una progressione (il linfoma peggiora) o una refrazione della malattia (il linfoma  resistente al trattamento). I pazienti possono anche sottomettersi a una terapia di induzione per provocare la remissione, a una terapia di salvataggio per poter riparare i problemi del trattamento o a una terapia di mantenimento che previene la ricorrenza.

Chemioterapia

La chemioterapia ricorre a dei prodotti chimici che interferiscono con il processo di divisione cellulare. Questa tecnica danneggia le proteine o il DNA ed 菏 per questo motivo che le cellule cancerogene si suicidano. Questo tipo di trattamento è diretto a quelle cellule che si dividono rapidamente (non necessariamente solo le cellule cancerogene). Le cellule normali possono normalmente rigenerarsi da qualsiasi danneggiamento indotto da prodotti chimici mentre le cellule cancerogene non possono. La chemioterapia 菏 usata generalmente per trattare il cancro che si 菏 sparso o è inmetastasi visto che i farmaci viaggiano per tutto il corpo. Il trattamento avviene in cicli affinch il corpo abbia il tempo di curarsi tra le varie dosi. Ma esistono comunque degli effetti secondari comuni come la caduta dei peli, nausea, fatica e vomiti. Le terapie di combinazione spesso includono vari tipi di chemioterapia o chemioterapia combinata con altre opzioni del trattamento.

Radiazione

Il trattamento di radiazione, anche noto come radioterapia, distrugge il cancro. Dei raggi ad alta energia si concentrano sulle cellule cancerogene. Questo danneggia le molecole che compongono le cellule cancerogene e le obbliga al suicidio. La radioterapia usa l'alta energia di raggi gamma emessi da metalli come il radio o raggi X d'alta energia che si creano in una macchina speciale. La radioterapia si può usare come un trattamento indipendente per ridurre un tumore o distruggere le cellule cancerogene e in combinazione con altri trattamenti del cancro.

Gli effetti secondari della radioterapia possono includere cambiamenti lievi nelle pelle simili a delle bruciature solari, nausea, vomiti, diarrea e fatica. I pazienti possono anche perdere l'appetito e hanno dei problemi a mantenere il peso, ma gli effetti secondari spariscono dopo delle settimane dalla fine della cura.

Prevenire il linfoma

Non esistono dei metodi noti per prevenire il linfoma. I medici raccomandano però di evitare i fattori di rischio conosciuti ed evitare le infezioni virali o condizioni che mettono in pericolo il sistema immunitario.

Sintomi del linfoma

I sintomi del cancro sono diversi e dipendono da dove si trova il cancro, dove si  esteso e dalla dimensione del tumore. Generalmente il linfoma si presenta con un gonfiore al collo, alle ascelle o all'inguine. Può esserci un'infiammazione addizionale quando altri nodi linfatici si trovano ad esempio nella milza. L'ingrandimento dei gangli linfatici può invadere lo spazio dei vasi sanguigni, dei nervi o dello stomaco, provocando infiammazione, formicolio e intorpidimento alle braccia e alle gambe.

Tra i sintomi del linfoma possiamo anche includere dei sintomi non specifici come la febbre, i brividi, l'inspiegabile perdita di peso, i sudori notturni, il letargo e i pruriti.

Elenco dei sintomi del linfoma

L'elenco dei principali sintomi del linfoma, da diverse fonti, tra cui:

Sintomi simili allo linfoma

Qui di seguito potete vedere i link per la salute o la malattia Stati che hanno alcuni sintomi simili a del linfoma. Cliccando sull'immagine o sul link qui sotto potrete vedere ulteriori informazioni su queste malattie o condizioni di salute e sintomi.